21/09/18

Verona 4 ottobre 18 Lingua e letteratura italiana nei nuovi esami di Stato

Verona, 4 ottobre 2018
ore 9-18,30
Palazzo Giuliari - Sala Barbieri - Via dell’Artigliere, 8 Liceo scientifico statale “Angelo Messedaglia”, via Bertoni, 3

Giornata di studi promossa dal Dipartimento Culture e Civiltà dell’Università di Verona, dalla rete di scuole veronesi “L’italiano a scuola”, con il patrocinio dell’Associazione degli italianisti – sezione didattica e dell’Associazione per la storia della lingua italiana – scuola


Ore 9.00 -13.00: Università di Verona, Palazzo Giuliari - Sala Barbieri, Via dell’Artigliere, 8

Indirizzi di saluto
Nicola Sartor (Rettore dell’Università di Verona), Arnaldo Soldani (Direttore del Dipartimento Culture e Civiltà)

Presiede Fabio Danelon (Università di Verona)

Relazioni
Luca Serianni (“Sapienza” Università di Roma, Accademia dei Lincei), Competenze linguistiche da saggiare nell'esame finale

Gino    Ruozzi    (Università    di    Bologna,     Presidente    ADI- Associazione degli Italianisti), Utilità e piacere della scrittura

Claudia Mizzotti (Liceo “Messedaglia”, Verona), Il cantiere sempre aperto: appunti per una didattica dell’italiano parlato, scritto e digitato

Corrado Viola (Università di Verona), La letteratura italiana tra scuola superiore e Università

Tavola rotonda
Fabio    Danelon,    Claudia    Mizzotti,     Gino    Ruozzi,    Carla Sclarandis, Luca Serianni, Arnaldo Soldani, Corrado Viola

Ore 14.30-18.30: Liceo scientifico statale “Angelo Messedaglia”, via Bertoni, 3

Indirizzi di saluto
Anna Capasso (Dirigente Scolastico), Albino Barresi (Dirigente dell’Ufficio per l’ambito territoriale VII di Verona dell’USR Veneto)

Presiede Cristina Lorenzi (Educandato statale “Agli Angeli”)

Relazioni
Carla Sclarandis (Liceo “G. F. Porporato”, Pinerolo), La nuova prima prova

Laboratori “Verso la prima prova”
Cinzia Spingola (ITIS "F. Severi", Padova – UAT Treviso) e Alessandra Zangrandi (Università di Verona), Riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità vicine all’orizzonte esperienziale delle alunne e degli alunni

Marcella Cecchini (Istituto tecnico Lorgna-Pindemonte) e Lucia Olini (Liceo “Messedaglia”), Analisi e interpretazione di un testo letterario italiano (dall’Unità ad oggi)

Cristina Antonini (Liceo “Maffei”) e Fedora Martignago (Liceo “Messedaglia”), Analisi e produzione di un testo argomentativo. Scrivere di storia e scienza

Casella di testo: Comitato scientifico: Luca Bragaja (Liceo “Maffei”), Marcella Cecchini (Istituto “Lorgna-Pindemonte”), Fabio Danelon (Università di Verona), Claudia Mizzotti (Liceo “Messedaglia”), Massimo Natale (Università di Verona), Lucia Olini (Liceo “Messedaglia”), Corrado Viola (Università di Verona), Alessandra Zangrandi (Università di Verona).

La giornata di studio vale come formazione per i docenti di scuola che potranno iscriversi anche sulla piattaforma SOFIA tra il 22 e il 30 settembre. A tutti i partecipanti verrà rilasciato attestato di partecipazione.
ì

13/09/18

Congresso Nazionale ADI a Bologna 13 -15 settembre NEWS

Il Congresso Nazionale che si terrà a Bologna dal 13 al 15 settembre  è composto da sessioni plenarie, quindi uniche, e sessioni parallele. Il programma generale è qui:
http://www.italianisti.it/upload/2-Pagine/programma-generale-adi-sito.pdf

Si comincia nel pomeriggio del giovedì 13 settembre alle 14,30 con una plenaria che si terrà in via Belmeloro. Alla sera ci sarà un recital in piazza Verdi con  Matteo Belli.


Il venerdì sarà tutto dedicato alle sessioni parallele, il cui programma specifico con orari e luoghi è qui:
http://www.italianisti.it/upload/2-Pagine/programma-sessioni-parallele-14-settembre-1-3.pdf

Le sedi sono diverse, ma vicine tra loro, e tutte in zona universitaria tra via Zamboni e via Belmeloro. Ci sarà il dilemma di quali interventi seguire, data l'alta qualità e la varietà degli stessi. Una sessione (Letteratura tra i banchi di scuola) è in particolare mirata sul lavoro in classe, ma docenti di scuola sono comunque relatori anche  in altre sessioni.


Alle 17,30 del venerdì  ci sarà una plenaria sulla figura di Piero Camporesi.


Infine la mattina del sabato 15 si terrà la sessione plenaria conclusiva, dalle 9 alle 11,30.


 Ai tavoli della registrazione dei presenti (che sarà in via Andreatta exBelmeloro primo piano)  avremo  gli elenchi e faremo le iscrizioni. Rilasceremo alla fine di ogni giornata gli attestati. Chi presenta una propria relazione nelle varie sessioni riceverà una cartellina riepilogativa. 
Ci saranno anche delle escursioni letterarie mattutine per le vie (dotte!) di Bologna e una cena sociale  il venerdì sera. Come iscriversi a queste attività extra è indicato  nel sito italianisti.it  (banner in alto pulsante Congresso 2018).


E' POSSIBILE ISCRIVERSI ANCHE ATTRAVERSO SOFIA; 

Il congresso è stato inserito come attività formativa sulla piattaforma SOFIA, con due opzioni:
-       l’iscrizione all’intera iniziativa, per un totale di 18 ore, di cui 12 necessarie per ottenere l’attestato; l'iniziativa è "Lettere in classe. Natura, società e letteratura. XXII Congresso Nazionale Associazione degli Italianisti. Bologna, 13-15 settembre 2018 (ID 19462)"
-       l’iscrizione alle sole sessioni parallele del 14 settembre, per un totale di 8 ore, tutte necessarie per l’attestato: in questo caso dovete scegliere "Lettere in classe. Natura, società e letteratura. XXII Congresso Nazionale Associazione Italianisti. Sessioni parallele. Bologna, 14 settembre 2018 (ID 19463)"


Potete iscrivervi (tra l’1 e il 9 settembre) all’una o all’altra opzione: in ogni caso per quest’anno la partecipazione al congresso resta gratuita per i soci che hanno pagato la quota del 2018: chiediamo che chi non è iscritto all'associazione approfitti del Congresso per farlo. Abbiamo stabilito che queste NUOVE  iscrizioni (25 euro) saranno valide da settembre 2018 fino a tutto il 2019. l'Associazione non gode di contributi ministeriali e usa le quote soci per le attività di aggiornamento locali. 

Per info: m.ind@tiscali.it



08/09/18

COME ASSOCIARSI

Ci si associa compilando la scheda di iscrizione che potete scaricare QUI  (copiandola su di un file) e versando la quota di 25 euro alla sede locale più vicina (contattate il referente locale) oppure facendo un bonifico sul conto dell'ADISD nazionale 
 IBAN  IT 08X0200811770000105022515


Causale: iscrizione ADI SD anno..... Ovviamente vanno indicati i  dati personali: nome, cognome, città, REGIONE.

CONTATTATE il referente della sede regionale a voi più vicina per inviargli la scheda compilata (gli indirizzi dei referenti locali, per informazioni ed iscrizioni, sono indicati nella colonna di sinistra)


27/08/18

"Un antico legame" - Segnalazione bibliografica

Simonetta TEUCCI,  Un antico legame. Letteratura, sport, società, Aracne 2018


Articolato in due parti, il libro percorre l’evoluzione dello sport dal punto di vista della letteratura, evidenziando i testi che lo affrontano, dal l. XXIII dell’Iliade ai testi latini a quelli italiani dal Medioevo all’età moderna con qualche breve incursione nel XIX secolo. È attento alla stretta relazione dello sport con le varie realtà sociali, che sono andate trasformandosi nel tempo e delle quali è lo specchio significativo. Nonostante che lo sport riguardi tutto il mondo, per la parte antica si è puntata l’attenzione su quello intorno al Mediterraneo, perché culla della civiltà occidentale e luogo di nascita delle gare sportive e dei giochi atletici. Per la parte che riguarda il periodo dal Medioevo in poi si sono scelte in particolare le testimonianze italiane, al fine di evidenziare come il legame fra la letteratura, lo sport e la società sia stato sempre saldo e come abbia accompagnato gli uomini nel corso dei secoli.

Il libro è acquistabile direttamente dal sito della casa editrice Aracne. Esiste sia nel formato cartaceo (euro 14,00) e in pdf online (euro 8,90).


03/06/18

Palermo 4/5 giugno

Convegno
Didattica e Letteratura. Insegnare oggi: prospettive di ricerca
4-5 giugno 2018
Chiesa di S. Antonio Abate
complesso monumentale dello Steri

4 giugno 15.00
Saluti del Magnifico Rettore
Saluti del Direttore del Dipartimento di Scienze Umanistiche, Leonardo Samonà
Introduce Michela Sacco Messineo
Apre i lavori Ambra Carta
Relazioni di:
Pasquale Guaragnella, Sui concetti di ‘persona’ e di ’mondo’ tra Antichità e cultura dell'Illuminismo
Flora Di Legami, In dialogo con le forme metaforiche e cognitive dei testi letterari
Simone Giusti, Come insegnare ‘con’ la letteratura: la lettura nel processo di apprendimento
Matteo Di Gesù, A che serve la letteratura? Postille a un dibattito piuttosto pletorico
Ambra Carta, Il piacere del testo. Per una didattica dell’empatia.

Intervengono gli studenti di Didattica della Letteratura (LM - Filologia Moderna e Italianistica)

5 giugno ore 9.00
Relazioni di:
Giancarlo Alfano, Ricerca e didattica: bilancio e nuove prospettive
Andrea Manganaro, Come formare i futuri insegnanti di letteratura
Marco Guidi, A dieta di media. Comunicazione e qualità della vita
Coffee break
Domenica Perrone, Breve racconto di una’esperienza didattica
Paola Liberale, Insegnare il presente. La didattica dell'emergenza.

Intervengono gli studenti di Didattica della Letteratura (LM - Filologia Moderna e Italianistica)


04/05/18

Preparazione del Congresso ADI a Bologna 13 /15 settembre 2018

XXII Congresso Nazionale Associazione degli Italianisti - Bologna

Natura, società e letteratura
§ Istruzioni per l’invio delle proposte di comunicazione ai panel
Entro il 31 maggio possono essere inviate le proposte di comunicazione ai panel approvati, corredate di due abstract, uno più diffuso (massimo 1.500 battute, spazi compresi) e uno più sintetico (massimo 500 battute, spazi compresi). Nell’abstract dovrà essere indicato chiaramente:
  • il panel cui si intende partecipare;
  • nome e cognome, con l’eventuale istituzione di afferenza;
  • titolo dell’intervento proposto.
Le proposte devono essere inviate all’indirizzo mail dei proponenti del panel e in copia all’indirizzo della segreteria organizzativa del congresso (congressoAdiBologna@gmail.com)

24/04/18

Primo Levi a Milano - Segnalazione



Giovedì, 10 Maggio 2018

Uomo, istruzioni per il collaudo. La definizione dell'umano nell'opera di Primo Levi.

Conversazione con Mario Barenghi
Giovedì 10 Maggio ore 16.30
Aula Martini, edificio U6/4, piazza dell’Ateneo Nuovo 1
 
Il primo e più famoso libro di Primo Levi è il resoconto di un’esperienza 
di disumanizzazione estrema, di negazione radicale dell’umanità. Ma fin 
dall’inizio la testimonianza sulla tragedia storica s’intreccia con una 
interrogazione sulla natura e i limiti dell’umano che riguarda anche 
il tempo presente, e il futuro che stiamo (spesso inconsapevolmente) costruendo.
Su questi temi Levi continua perciò a riflettere con lucida spregiudicatezza 
anche nelle opere successive, soprattutto nei racconti d’invenzione: 
dove prospetta possibilità, addita insidie e pericoli, e insieme dà risalto 
ai valori davvero irrinunciabili. 
Conversazione con il Professor Mario Barenghi
Professore ordinario di Letteratura Italiana Contemporanea – 
Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione "R. Massa"
Università degli studi di Milano Bicocca.
Letture di Gianni Quillico


15/04/18

Un pensiero per Vittorio Taviani

Condividiamo volentieri questo pensiero:


Oggi è scomparso il maestro Vittorio Taviani che con il fratello Paolo ha tanto studiato e amato la letteratura, straordinariamente interpretata nei loro film.

Con l'ADI SD - fin dalla sua fondazione - e l'ADI,  in particolare con Giulio Ferroni, Silvia Tatti, Amedeo Quondam..., abbiamo più volte incontrato e dialogato intensamente con i Fratelli Taviani e altri grandi autori del cinema e della cultura in iniziative di formazione alla Sapienza e in altre sedi. Ricordo le molte testimonianze scritte pervenute dai docenti partecipanti che ci invitavano a realizzare nuove edizioni di tali incontri.

Vittorio e Paolo Taviani, che con le loro opere hanno arricchito fin dagli anni Sessanta il nostro patrimonio culturale, hanno sempre espresso molto rispetto per la fatica quotidiana degli insegnanti impegnati a promuovere gli spazi del sapere critico, un rapporto vivo, dialogico, ermeneutico con le opere letterarie ( e cinematografiche)  e con i loro autori. La moglie di Vittorio, Carla, al cui dolore partecipo commossa, ha fatto parte di questa schiera di docenti.

Michela Costantino, ADISD Roma

25/03/18

Gara di critica letteraria "Il testo moltiplicato" - invito alle scuole a partecipare



Il   4 maggio presso il Liceo Fonseca di Napoli si svolgerà la gara di critica letteraria "Il testo moltiplicato", riservata agli studenti degli ultimi due anni della Secondaria Superiore.
Questa ottava edizione riserva ai partecipanti una novità poiché il bando rende noti gli autori dei testi che verranno proposti: Milo De Angelis per la poesia e Giuseppe Montesano per la prosa.
Si invitano i docenti  a far partecipare i loro alunni ( per chi viene da fuori si cercherà di organizzare l'ospitalità).

Il bando con il regolamento è consultabile nel sito del liceo,  a questo link.



21/03/18

Segnalazione volume Boccaccio nella collana Grandangolo del Corriere della Sera


E' uscito nella collana Grandangolo I classici italiani a cura del Corriere della Sera il volume

BOCCACCIO  curato da Natascia Tonelli, che  tra l'altro fa parte del Consiglio scientifico dell'Ente Nazionale Giovanni Boccaccio.



Dalla quarta di copertina:


Dall’Elegia di madonna Fiammetta, definito il primo romanzo psicologico, alla riscoperta della lingua greca con la sua immissione nella cultura trecentesca e, insieme, all’uso sempre più ampio del volgare, fino all’apologia della donna come essere senziente, capace di prendere in mano la propria vita e nutrire amore anche in senso fisico non diversamente dall’uomo, Giovanni Boccaccio ha segnato un cambiamento di rotta nella storia della letteratura, della cultura e del costume. Con il Decameron, poi, ha costruito un’opera aperta in grado di ricostruire, “rinnovellare” il mondo e le sue istituzioni – un mondo smarrito nello scenario della peste, buio e senza un domani – con il recupero della dignità umana attraverso l’intelligenza del dire, del raccontare, del ridere, del fare, seguendo le regole civi che e di solidarietà: un manuale di sopravvivenza da leggersi scavando sotto la superficie del puro intrattenimento, al di là dell’aspetto “boccaccesco” che del libro è solo il richiamo epidermico.
_________________________________________________________________________________

06/03/18

Scriviamoci 2018


  
     
         
Scriviamoci” nasce con un obiettivo: abituare i ragazzi a scrivere per conoscersi meglio e per riappropriarsi del proprio tempo, ma anche per esprimere, attraverso la parola scritta, i pensieri più nascosti, le proprie passioni, i propri sentimenti. 
Il concorso di scrittura, giunto alla quarta edizione, è promosso dal Centro per il libro e la lettura e dall’Atlante digitale del ‘900 letterario, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. È rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di tutta Italia e di quelle italiane all’estero.
Quest’anno si chiede ai ragazzi di sviluppare il tema “Noi e l’Altro”, a partire da una riflessione sul fenomeno migratorio che in questi anni ha avuto una consistente ricaduta sul discorso pubblico e l’immaginario collettivo.
Nelle scorse edizioni il concorso ha riscosso un grande successo raccogliendo circa 1300 elaborati provenienti da oltre 500 istituti scolastici.


Regolamento di partecipazione
1.  La partecipazione alla quarta edizione del Premio Scriviamoci è aperta agli studenti delle Scuole secondarie di secondo grado di tutta Italia e italiane all’estero 
2. Tema del concorso:
“Noi e l’Altro”. Negli ultimi anni, il fenomeno dei migranti che abbandonano il loro paese – spinti dalla guerra e dalla fame - e partono in cerca di un futuro migliore ha assunto proporzioni spaventose. C’è chi vorrebbe accoglierli tutti, chi chiede una regolamentazione seria e chi vorrebbe chiudere le frontiere. Tu come la pensi? Scrivi un breve saggio o prova a raccontare una storia.
3. L’elaborato inviato dovrà avere una lunghezza compresa tra 5.400 e 10.000 battute, spazi inclusi, e recherà in calce nome e cognome, scuola e classe di appartenenza dell’autore scritti per esteso.
4. Ogni concorrente potrà partecipare con un solo testo. Ogni scuola potrà partecipare con un massimo di 5 elaborati, inviati da un insegnante di riferimento all’indirizzo email: scriviamoci@beniculturali.it entro e non oltre il 23 aprile 2018.
5. L’email di accompagnamento degli elaborati dovrà contenere:
In oggetto Premio Scriviamoci 2018 – Nome della scuola
Nel testo Dati dell’autore o degli autori (nome e cognome, data di nascita, classe di appartenenza) Dati della scuola (denominazione, indirizzo completo, telefono, email)
Dati dell’insegnante referente (nome e cognome, email, numero di cellulare).
6. I testi non saranno restituiti e potranno essere utilizzati dagli Organizzatori senza nulla a pretendere da parte dei partecipanti.
7. Tutti gli elaborati pervenuti verranno pubblicati in una sezione, appositamente creata, sull’Atlante digitale del Novecento letterario.
8. Una commissione di esperti sceglierà i tre elaborati migliori i cui autori si aggiudicheranno una valigetta di libri messi a disposizione dal Gruppo GEMS. Al primo classificato verrà inoltre offerto uno stage di due giorni presso la scuola di scrittura “Bottega di narrazione Finzioni” di Bologna. 
9. In base alla vigente normativa sulla privacy, gli indirizzi e i dati personali dei partecipanti verranno utilizzati esclusivamente per lo svolgimento del concorso.
Buon lavoro a tutti!




11/02/18

COME SI LEGGONO I LIBRI?

Ogni scrittura contiene memoria di scritture anteriori. Il libro è il luogo del doppio e della rifrazione, specie quando riscrive la vita in un ostinato tentativo di avvicinamento al reale e alle sue deformazioni. La scrittura per alcuni è l’esatto equivalente di una partitura musicale. Non vi è tutto annotato. La voce e il timbro non possono essere fissati. Ognuno cerca di utilizzare al meglio le proprie possibilità vocali, per fare uscire dal testo un tono e una interpretazione incontestabilmente nuovi. E, allora, Come si leggono i libri?

A Roma, presso la Fondazione MAXXI, il 28 febbraio 2018 (ore 10-17) 230 studenti delle scuole aderenti alla rete dell’Atlante digitale del Novecento letterario (www.anovecento.net), in collaborazione con il Centro per il libro e la lettura, Emons editore, l’Associazione degli Italianisti, la Sapienza Univ. di Roma e con la media parterneship di Radio3, RaiLetteratura, affronteranno l’importanza della lettura espressiva ad alta voce e dell’interpretazione dei testi.

Dopo una prima sessione di lavori (ore 10-13), durante la quale gli studenti potranno fare tesoro dei suggerimenti e della competenza di attori e specialisti della comunicazione per apprendere una sorta di ‘vocabolario della voce’, nel pomeriggio (14-17) molti di essi saranno impegnati nella registrazione di un audiolibro con Emons Edizioni.


30/12/17

ATTI Congresso ADI 2015

Gli atti del congresso di Roma 2015 sono appena stati pubblicati sul  sito ADI a cura di 
B. Alfonzetti, T. Cancro, V. Di Iasio, E. Pietrobon.
Il Presidende, Gino Ruozzi, ringrazia vivamente Guido Baldassarri e Franco Tomasi per avere allestito e condotto a termine l'impresa editoriale.

Gli atti del congresso 2015 sono pubblicati a questo indirizzo e nella colonna di sinistra in alto:

http://www.italianisti.it/Atti-di-Congresso?pg=cms&ext=p&cms_codsec=14&cms_codcms=896

10/12/17

17/11/17

Palermo, Confini/Margini. Corso di formazione


ITI “Vittorio Emanuele III” Via Duca della Verdura, 48 - 90100 Palermo


CONFINI/MARGINI 
CORSO DI FORMAZIONE PER DOCENTI DI MATERIE UMANISTICHE