04/07/08

Salina (Eolie) - Festival del documentario narrativo






22/28 sett 2008
http://www.salinadocfest.org/

***********************************************************************
LEGGI IL PERCORSO DI Paola Fertitta:

Raccontare le strade


***********************************************************************
Le ragioni di un workshop al SalinaDocFest
Dal 25 al 28 settembre 2008, a Salina (Isole Eolie), all'interno del SALINA DOCFEST,
festival internazionale del documentario narrativo, diretto da Giovanna Taviani, si è pensato di inaugurare una particolare sezione del festival, un workshop per docenti della scuola media superiore dal titolo Ritorno alla realtà? - Per un nuovo realismo nel cinema e nella letteratura.
Le ragioni per la scuola
La scuola come luogo dove organizzare una ristrutturazione dei saperi, non distruggendo il sapere umanistico in una torsione tutta tecnico-economicistica (le famose "tre i"...), ma, anzi, ampliandone orizzonti, campi di applicazione, scenari e nozioni.
L'adeguamento al presente non equivale a schiacciamento sul presente, supino adattamento ad una diffusa e insistita identità di consumatori. Il presente è allargamento dei saperi e costruzione di strumenti di interpretazione del reale.
Di qui l'esigenza di attrezzare i docenti al mondo delle immagini e al linguaggio delle immagini. Di più: si tratta di esplorare il territorio dell'immagine documentaristica, istituendo un possibile parallelo con la scrittura, con la letteratura che individua nel reale il proprio privilegiato terreno di indagine.
Le ragioni culturali
È possibile, dunque, delineare un "ritorno alla realtà", che segna la fine del canone del postmoderno e, nel contempo, se pur affidato ad esperienze singole e non confluenti in un movimento, si inarca con evidenza in un nuovo sforzo anche inquieto di appropriazione della realtà? Questo nuovo realismo (Roberto Saviano) risponde con il pensiero indagatorio alla ostentata "fine della Storia", cogliendone, invece, le nuove forme di un antico sistema sociale fondato su visibili (dis)valori: dal profitto, che genera morte, al traffico internazionale che produce evasione fiscale; dallo sfruttamento del lavoro al riciclaggio di denaro sporco; dalla connivenza alla paura sociale; dall'omertà alla concussione.
Il workshop
Promosso da Palumbo Editori, con la collaborzione dell'
ADI, del CIDI e dell'Assessorato all'Istruzione del Comune di Modena, diretto da Michele Suma, il workshop prevede relazioni, laboratori tematici, incontri con gli autori e una tavola rotonda. Il programma definitivo è attualmente pubblicato su questo stesso sito. Da esso si deduce che ci attendono giornate intense, a cui si aggiungeranno gli appuntamenti serali del Festival, ai quali i partecipanti del workshop avranno libero accesso.
Le dimensioni dell'isola e la pur dotata e qualificata recettività non possono concedere una partecipazione di massa. Pertanto, si prevede un "numero chiuso" di iscrizioni.
Il costo di partecipazione sarà di € 300,00, escluso viaggio (ma con la possibilità di tariffe agevolate per gli spostamenti via mare A/R per raggiungere l'isola).

Programma completo del workshop

Modalità di iscrizione al workshop

Nessun commento: